VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELL’ACQUISTO DI UN IMMOBILE

Prima di acquistare un bene immobile è opportuno provvedere all’esecuzione di alcune verifiche al fine di evitare che possano sorgere problemi dal punto di vista giuridico che possano in un futuro impedire di godere in pieno dell’immobile acquistato. Analizziamo nel seguito alcune delle verifiche più importanti:
  • verificare che il venditore dell’immobile oggetto del nostro interesse sia effettivamente il proprietario del medesimo; detta operazione non risulta particolarmente difficile in quanto è sufficiente munirsi di visura catastale dell’immobile e recarsi presso la conservatoria dei registri immobiliari. In questo modo è possibile verificare che l’immobile sia realmente di sua proprietà (mai fidarsi esclusivamente della visura catastale), ed inoltre, dalla lettura dell’atto di proprietà, sarà possibile verificare la presenza di eventuali vincoli nei confronti di confinanti come diritti di passaggio, servitù ed altro ancora.
  • passaggio di assoluta importanza è la verifica della presenza di eventuali ipoteche sull’immobile. Nel caso in cui pendesse un’ipoteca e se ne venisse a conoscenza solo dopo l’acquisto sarebbe un problema non trascurabile, si potrebbe correre il rischio di perdere l’immobile in caso di inadempienza della restituzione del debito contratto dal precedente proprietario anche se il bene è stato acquistato in maniera regolare.
  • nel caso in cui si manifestasse l’interesse ad effettuare un cambio di destinazione d’uso dell’immobile è opportuno chiamare prima l’amministratore e porre al medesimo i nostri quesiti oppure procurarci una copia del regolamento condominiale per potersi accertare che il cambio di destinazione d’uso sia permesso dal regolamento stesso.
  • verificare che il costruttore abbia ottenuto il permesso di costruire e le eventuali varianti nel caso l’acquisto riguardi una casa in costruzione, e che la costruzione sia conforme. In ogni caso è sempre opportuno verificare che l’immobile sia munito di titolo abilitativo autorizzativo con cui è stato realizzato o modificato l’edificio (progetti da reperire presso i competenti uffici comunali). Inoltre, nel caso in cui il bene fosse stato oggetto di condono edilizio, sarebbe opportuno verificare che lo stesso sia stato correttamente definito.
  • verificare che le planimetrie comunali e catastali siano conformi allo stato di fatto dei luoghi per evitare l’acquisto di immobili con abusi edilizi non sanati che possono comportare gravi problemi. Nel caso in cui le planimetrie non fossero conformi è necessario richiedere al proprietario di provvedere a regolarizzarle soprattutto nel caso in cui debba essere richiesto un mutuo.
  • l’immobile, prima della stipula del rogito notarile, dovrà essere dotato dell’attestato di prestazione energetica.
Per l’esecuzione di tutti questi accertamenti è comunque opportuno affidarsi ad un tecnico di fiducia, geometra, architetto, ingegnere, un notaio oppure un agente immobiliare.
Questa voce è stata pubblicata in Compravendita, Pratiche tecniche. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.