La variazione catastale

Con la variazione catastale, il cittadino comunica all’Agenzia delle Entrate – Territorio (ex catasto), la natura delle modifiche effettuate nello stato di un immobile. I dati catastali (planimetria, identificativi, titolare del bene, toponomastica, etc.) possono essere modificati tramite la procedura DOCFA che deve essere presentata agli uffici dell’Agenzia delle Entrate – Territorio (Catasto). Alcune modifiche possono essere anche effettuate gratuitamente direttamente dai cittadini presso gli uffici del catasto o con procedure informatiche sul sito dell’Agenzia delle Entrate – Territorio. La variazione catastale può servire in caso di modifiche della distribuzione interna di un appartamento o per una “esatta rappresentazione grafica”.

Quando presentare una variazione catastale

Serve per comunicare agli uffici dell’Agenzia delle Entrate – Territorio (Catasto) una modifica eseguita in un immobile. Ad esempio in caso di ristrutturazione di un appartamento, di un ampliamento di una casa, ecc.

A seguito dell’esecuzione di interventi edilizi è obbligatorio procedere con la variazione catastale dell’immobile entro 30 giorni dalla fine lavori (altrimenti l’Agenzia delle Entrate – Territorio potrà applicare una sanzione).

I casi più frequenti in cui occorre procedere con la variazione sono:

  • Per ottenere la conformità catastale prima di un rogito. Situazione spesso risolvibile con la causale “esatta rappresentazione grafica”.
  • Modifica della distribuzione di un appartamento dovuta ad una tipica ristrutturazione con spostamento di tramezzi. Ad esempio per la realizzazione di un nuovo bagno, l’eliminazione del corridoio, lo spostamento della cucina.
  • Frazionamento o fusione di unità immobiliari.
  • Cambio di destinazione d’uso. Ad esempio trasformazione di negozio in abitazione, box in cantina, soggiorno in cucina, etc.
  • Ampliamento per piano casa.
  • Creazione di nuove superfici come solai, soppalchi, terrazzi praticabili.
  • Modifica della toponomastica come indirizzo, nome del proprietario o altri dati presenti nella visura.

In generale la variazione catastale è richiesta in caso di interventi edili sugli immobili (variazione da effettuare entro 30 giorni) che comportano la modifica del classamento e della rendita catastale e prima di un rogito, quando il venditore si accorge di alcune difformità tra lo stato catastale e lo stato di fatto.

La variazione catastale è uno dei principali elaborati utili a richiedere il certificato di agibilità. Viene richiesto dallo sportello unico dell’edilizia prima di poter protocollare la “fine lavori”.

 

Questa voce è stata pubblicata in Catasto, Pratiche tecniche e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.